Articoli

Stampa

Federici 2016

VALUTAZIONE DEL “PESO SECCO” DA PARTE DEL PERSONALE INFERMIERISTICO IN UN AMBULATORIO DI PRE-DIALISI
G. Federici, UOS di Dialisi Peritoneale – Ospedale “C. e G. Mazzoni – Ascoli Piceno

INTRODUZIONE.

L’iperidratazione è caratterizzata da aumentata quantità e da alterata distribuzione dei liquidi corporei. I pazienti (pz) iperidratati in insufficienza renale, presentano un rischio di mortalità aumentato rispetto ai normoidratati.

METODOLOGIA. 

Nel nostro Ambulatorio di Pre-dialisi  sono valutati dal punto di vista clinico-laboratoristico n° 59 pz allo stadio 4° e 11 pz allo stadio 5° di IRC ( eGFR di 30 – 15 ml/min ed < a 15 ml/min, rispettivamente). L’Ambulatorio ha cadenza monosettimanale, è gestito dal Nefrologo e da una Infermiera che determina i parametri:  Peso secco (PS) , Pressione Arteriosa (PA) clino e orto, Emogasanalisi. Recentemente si è aggiunto  l’esame ecografico (ect) per escludere una iperidratazione del pz . L’ect prevede una scansione trasversale sottocostale dx per la VCI e del distretto toracico posteriore per il polmone. Nel primo caso si hanno utili indicazioni sulla capacità di collabimento dei vasi durante la dinamica respiratoria, nel secondo in presenza di versamento pleurico fra i due foglietti, si osserva uno scollamento (anecogenicità) dovuto al liquido pleurico

RISULTATI.

Abbiamo avuto una riduzione dei ricoveri per sovraccarico idrico ed abbiamo migliorato il self-care del pz.

CONCLUSIONI.

La determinazione ecografica del diametro della VCI e del versamento pleurico  per la determinazione dello stato di idratazione del pz in pre-dialisi è un valido aiuto nella conduzione di pz  che necessitano uno stretto controllo clinico.

BIBLIOGRAFIA.

  1. M Prencipe et al., Semeiotica ecografica per paziente iperidratato, G. Ital. Nefrol. 2012; 29 (S57): S58-S64

Abbiamo 55 visitatori e nessun utente online